Orizzonti Perduti – Omaggio a Battiato

LENTINIStorie, brani e memoria hanno delineato il profilo di Franco Battiato, rintracciandone la tradizione culturale e il lascito per le nuove generazioni: Lentini ha archiviato con successo l’omaggio al cantautore etneo.

Lo scorso 28 agosto sera, a Lentini, in un’inedita e gremita Piazza Dante, tirata a lucido per l’occasione, è stato accolto il progetto musicale prodotto da Art Evolution e da Guarnieri Ensamble, una magia coordinata dalla cooperativa Badia Lost & Found.

A un anno dalla morte di Franco Battiato, Lentini ha celebrato il grande lascito del cantautore catanese e, inevitabilmente, la profonda amicizia che lo legava al filosofo leontino Manlio Sgalambro; un tributo compiuto dall’attore e musicista Alessandro Romano (chitarra e voce), la maestra Teresa Lombardo (violino), Giuseppe Guarnieri (pianoforte) e l’attore e narratore Giovanni Peligra. 

Più di due ore di omaggio in cui sono state cantate le canzoni più importanti del suo repertorio, rispettandone gli arrangiamenti originali. Nella serata gli artisti coinvolti hanno raccontato il cantautore catanese, da un punto di vista sia artistico che spirituale: il legame con la Sicilia, il rapporto con il misticismo, la poetica colta e sorprendente, le intuizioni musicali del periodo sperimentale, fino al rapporto con il successo e tanti curiosi aneddoti. 

La serata, promossa nei circuiti BoxOffice, ha accolto il pubblico delle grandi occasioni, un omaggio che, proprio la città di Lentini, non poteva non promuovere, sicché Battiato e Sgalambro erano soliti negli anni ’90, anni d’oro della loro produzione, passeggiare per vie e quartieri della medesima città. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.