Monuments People, seconda edizione online del convegno sulla gestione del patrimonio culturale
05/11/2020
Aspettando il 2021: Luoghi e Creatività nel Quartiere Badia
30/12/2020

Siglato il protocollo d’intesa tra CoopCulture e la coop. Badia Lost&Found


Siglato il protocollo d’intesa tra CoopCulture e la coop.  Badia 

Il Parco Urbano d’Arte del quartiere Badia di Lentini sarà oggetto di una prima sperimentazione del modello di collaborazione con COOPCULTURE.

Promuovere una visione integrata della valorizzazione di cultura e turismo con il territorio e la creatività contemporanea: è l’obiettivo del protocollo di intesa tra CoopCulture e Badia Lost & Found, firmato sul finire di questo anno sociale 2020.

Si ritiene indispensabile mettere in atto sinergie possibili tra soggetti operanti nel medesimo ruolo del sociale e della cultura, perché le attività poste in essere sono molteplici, dal punto di vista della valorizzazione del patrimonio culturale, di quello della creatività contemporanea e dei servizi museali, sottolineando così la necessità di una sinergia a livello orizzontale tra vari settori.

        COMUNITA’ LOCALI E COOPERATIVE

Con il protocollo di intesa tra CoopCulture e Badia Lost & Found si mettono insieme le comunità locali e le cooperative che sono radicate sui territori, per farle lavorare in modo sinergico e sussidiario insieme alle pubbliche amministrazioni. La carta vincente è un modello di sussidiarietà orizzontale, oltretutto nella sperimentazione di un itinerario, quello del primo parco urbano della provincia di Siracusa, questo tipo di approccio di rete è ancora più necessario perché mette insieme amministrazioni pubbliche, Comuni, Regioni e Ministero per i Beni culturali.

        CONNETTERSI IN UN CIRCUITO NAZIONALE DELLA CULTURA

CoopCulture rappresenta un’infrastruttura di rete cooperativa che insieme all’associazionismo e alle comunità locali può dar luogo a un modello di governance partecipata che è l’unico possibile, in collaborazione con le istituzioni, per una valorizzazione del patrimonio diffuso. Un modello di governance che guarda agli scenari nazionali ed europei, come sostiene il presidente della coop. Badia, Giorgio Franco: “Lavorare sugli itinerari e sui servizi della cultura è anche un modo per connettersi alle realtà nazionali perché sono le radici comuni del nostro patrimonio. Non solo stiamo facendo qualcosa per il territorio leontino e per l’area della Sicilia orientale ma potenzialmente stiamo facendo qualcosa per l’Italia.

E’ con questo obiettivo che Badia Lost & Found ha deciso di siglare un accordo con CoopCulture, la più grande cooperativa operante nel settore dei beni e delle attività culturali in Italia, che conta 2200 soci lavoratori.

COOPCULTURE si impegnerà a inserire nei propri circuiti culturali le destinazioni dei servizi culturali della coop. Badia, di cui il Parco Urbano di Arte Contemporanea di Lentini; inoltre darà comunicazione a BADIA su tutte le attività che essa svolgerà in favore delle destinazioni di Leontinoi (Lentini/Carlentini).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *